giovedì 24 marzo 2011

Recensione: Cappuccetto rosso sangue di Sarah Blakley-Cartwright

 
Titolo: Cappuccetto rosso sangue/Red riding hood 
Autrice: Sarah Blakley-Cartwright 
Casa editrice: Mondadori/Little, Brown and Company 
Pag: 288/329 Costo: € 17 / $ 9,99 

Prima di partire a parlare di questo libro devo spiegare perché mai questa volta la copertina e le informazioni riguardo al libro sono doppie. Beh, è semplicissimo! Ho deciso di leggere Red riding hood in lingua originale (ogni tanto mi prende la smania di leggere cose in lingua) quindi, a rigor di logica, il libro che dovrei presentarvi è quello della versione americana, ma dal momento che non credo che molte/i di voi abbiano il mio stesso gene pazzo che mi spinge a leggere in inglese (ma anche in francese, spagnolo, tedesco e portoghese...ah la pazzia!), ho deciso di mettervi anche la versione in italiano che uscirà presso la Mondadori il 29 marzo. 
Dopo questo preambolo iniziale, direi di passare direttamente al libro!!
La trama credo che ormai sia nota ai più, ma a scanso di equivoci ve la riporto qui sotto.
Valerie è nata e cresciuta in un villaggio stretto in una morsa di terrore: un Lupo, un essere mostruoso e sovrannaturale, ne uccide ferocemente gli abitanti. Valerie però non ha paura: non ne ha mai avuta, fin da quando, da bambina, l’ha incontrato e lui non l’ha nemmeno sfiorata. Ora che è una donna, spera di capirne la ragione, così come spera di potersi ribellare alla legge del luogo, rifiutare un fidanzamento forzato e abbandonarsi al suo vero amore. Intanto, il Lupo sta per rivelare il suo volto. Una favola dark potente, romantica e terrificante. 
E per chi se l'avesse perso (o semplicemente voglia rivederlo), ecco il trailer del film




Ma adesso passiamo a quello che (forse) vi interessa di più: la recensione!! 
Questa volta sarò molto più ironica del solito, non perché il libro non mi sia piaciuto, anzi, ma perché credo che dia più brio alla storia! Spero non vi dispiaccia^^
Bisogna subito mettere in chiaro una cosa: il libro è nato insieme al film, poi stabilire se è nato prima l'uovo o la gallina è difficile, ma ciò che appare chiaramente è che uno è lo specchio dell'altro. Perché dico questo? Sicuramente starete obiettando che il film non è ancora uscito qui in Italia (infatti esce il 22 aprile) e che non posso parlare come se l'avessi visto, ma vi assicuro che quando (e se) leggerete questo libro ve ne renderete sicuramente conto. 
Chi volesse leggerci un po' di Twilight tra le righe di Cappuccetto rosso sangue non farà fatica a trovare degli elementi in comune, ma va detto che ogni triangolo amoroso che si rispetti tende sempre a funzionare alla stessa maniera. Mi spiego meglio: Valerie è la ragazza più particolare del villaggio, a differenza delle sue coetanee non cerca disperatamente l'attenzione dei baldi giovanotti che girano per le strade e i campi del paese di Daggorhorn, lei si sente diversa, più maschiaccio potremmo dire. E cosa succede a Valerie? Neanche a dirlo cade ai suoi piedi il ragazzo più figo e più ricco di tutto il villaggio, quello per cui tutte le sue amiche sospirano e sognano ad occhi aperti, Henry Lazar e la fortuna è così tanto benevola che egli viene accettato dai genitori di Valerie per divenire il promesso sposo della ragazza. Ma come per ogni favola che si rispetti, il lieto fine non potrebbe arrivare così presto, anche perché sennò dopo neanche cento pagine il libro sarebbe finito! A incasinare le cose ci pensa Peter, compagno di giochi di Valerie quando erano piccoli e che si era allontanato dalla città insieme al padre per una colpa commessa da quest'ultimo. Peter è la prima cotta di Valerie e rivederlo dopo dieci anni scatena nella nostra protagonista un certo effetto, anche perché il ragazzo, diciamocelo, è cresciuto bene!! 
Neanche a dirlo tra i due scoppia l'ammmore, o meglio si riaccende quel sentimento che era rimasto custodito nei loro cuori, ma l'amore non è bello se non c'è da soffrire (vorrei sapere chi per primo ha pensato a questa cosa...ma non poteva farsi gli affari suoi??) e quindi i nostri due poveri piccioncini si ritrovano con una bella gatta da pelare...ops Lupo! Sì, perché il Lupo, che da anni distrugge la serenità del ridente paisello, ha deciso di far fuori un abitante del villaggio. È Lucy, la sorella maggiore di Valerie, la ragazza perfetta: altruista, ubbidiente, bella e brava. 
Perché il Lupo ha deciso di ucciderla? Ma soprattutto perché il Lupo ha deciso di rompere il patto? (Il patto era: noi ti diamo degli animali da sacrificare e tu non ci ammazzi!!) 
Ora il villaggio di Daggorhorn, se prima non era sicuro, adesso non lo è per niente e per ovviare al problema viene chiamato ad investigare padre Salomon, il quale cercherà in tutti i modi di tirare fuori dalla bocca dei daggorhorniani chi è il Lupo. Sì, mi sono scordata di dirvi che il Lupo non è un lupo qualunque (questo penso che l'avevate capito), ma è...rullo di tamburi... un werewolf alias un lupo mannaro che di giorno riprende la sua forma umana.
Detto questo, il gioco ha inizio: tutti possono essere il Lupo. Inevitabilmente i sospetti di Valerie si barcamenano tra i due boys che si contendono il suo cuore: Harry sembra nasconderle qualcosa con quel suo atteggiamento di ragazzo perfetto e Peter, beh Peter è l'incarnazione del bellissimo jerk/stronzo/tiportosullacattivastrada verso cui ogni ragazza è irrimediabilmente attratta! 
Per capire chi è il Lupo, Valerie deve fare chiarezza nei suoi sentimenti, perché a volte l'ovvio ci viene sventolato sotto al naso ma noi non ce ne accorgiamo!
E con questo vi lascio sulle spine (ancora per poco, il 29 marzo il libro potrà essere vostro) perché se dicessi di più, rischierei di spoilerare il colpo di scena che a suo modo c'è. Non per niente il libro ha in parte il sapore del thriller. 
Il libro scorre via veloce e la scrittura si presta molto ad essere cinematografica (come ho detto sopra), i personaggi si fanno apprezzare anche se non sfuggono a qualche clichè e la trama è godibile. 
Personalmente amo molto le favole e Cappuccetto rosso sangue vuole essere una riscrittura moderna della arcinota Cappuccetto rosso. Ma chi si aspetta una ripresa dei temi affrontati da Perrault può restare un po' deluso, qui non c'è nessun lupo/uomo che attira a sé le ragazze per rubarle la loro purezza (leggeteci virginità), qui siamo di fronte ad un lupo mannaro. 
Il libro cavalca sicuramente l'onda del momento che vede le favole gotiche andare per la maggiore, ma alla fine che c'è di male? Il libro è piacevole ed è propedeutico ad un film che, per chi lo volesse vedere, si prospetta intrigante. E poi ammettiamolo, chi di voi fanciulle non vorrebbe essere nei panni di Valerie, stretta 
nella morsa (direi piacevole) di due aitanti giovanotti? 

P.S.= Ho evitato tutta la diatriba sulla regia del film: Catherine Hardwicke sì, Catherine Hardwicke no. Questo è un blog di libri, lascio ai miei compari blogger cinefili la discussione dell'argomento!

VOTO DEL BLOG: 

 Good Book. Libro gradevole, per una lettura spensierata. 

L'autrice: 

Recentemente laureata al Barnard College. È cresciuta a Los Angeles e in Messico. Ora scrive a New York e a Los Angeles. 
   

16 commenti:

  1. *__* mi piaceeeee.. già prima mi ispirava tantissimo la trama, la tua recensione ha "peggiorato" la situazione, lo devo avere *__*

    RispondiElimina
  2. Un premio per te qua: http://anotherblog01.blogspot.com/2011/03/liebster-blog.html :D .

    RispondiElimina
  3. Letto il libro, delusione totale: le premesse per un bel romanzo nero c'erano tutte, ma sono state disattese in blocco.
    Una "perla" su tutte: gli abitanti del villaggio si preparano a falciare il fieno, quindi dovremmo essere a primavera, giusto? Un attimo dopo la neve cade di nuovo a larghe falde! Capzio, che scrittura creativa! Ma questa qui, l'autrice, ce l'ha qualcuno che rilegge i suoi parti letterari? Per me dovrebbe ripetere il corso di scrittura paracreativa.
    Ma la cosa peggiore è il finale, con la sorpresina: se vuoi sapere come va a finire devi andare su www.prendilosottolacoda.it o qualcosa del genere. Ma i soldi che spendo per avere il libro sono reali, io non ne ho pagati una parte per poi mandare la Mondadori a prendere il resto su www.marameo.it!
    Se qualcuno non ha il computer che fa, si arrangia? Una presa in giro totale, nonchè una completa mancanza di rispetto per i lettori paganti. A questo punto non vale neanche la pena di andare a vedere il film, di simili sciocchezze adolescenziali ce ne sono fin troppe.
    Lucilla

    RispondiElimina
  4. ma.... nel film il finale ci sarà??

    RispondiElimina
  5. Chissà! In ogni caso, non mi va di pagare due volte per sapere come va a finire!.
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Lucilla concordo con tutte le tue "perplessità" (eufemismo). Io ho deciso di comprarlo perché l'ho trovato in inglese a 5 euri :) e allora mi sono detta: va beh sconnettiamo il cervello per un po'! Ovvio che non mi aspettavo chissà che cosa e forse per questo non ne sono rimasta particolarmente delusa (minori aspettative minor delusione). Il discorso del finale è una commercialata come se ne vedono parecchie ultimamente. Mi dispiace se la mia recensione ti ha tratto in inganno..è solo un libricino di passatempo!
    @jessica: forse per il film ti fanno acquistare il dvd per vedere il finale...ahahahah!

    Concordo con chi dice, come te Lucilla, che se scritta meglio questa storia poteva diventare davvvvvvero interessante!

    RispondiElimina
  7. Tranquilla, Giulie, non è stata colpa tua, girellavo in libreria e l'occhio mi è caduto su questo libro. Dopo averlo raccolto, ho letto il riassunto e mi ha stuzzicato. Mi son detta:- "Ecco, magari è una via di mezzo tra Perrault e Angela Carter(hai letto "Camera di sangue"?)".
    Come mi sbagliavo.
    Mi chiedo solo una cosa: ma sarà mai possibile leggere una bella storia gotica, fosca e tenebrosa al punto giusto, con risvolti psicologici sì ma non da prima elementare(leggi: senza tante indulgenze verso il mostro di turno) e magari con tanto di finale? Qui si parla tanto di scrittura creativa, ma la cosa mi sa di presunzione: con cotanti titoli accademici, deve per forza uscirne un capolavoro, se non piace è perchè non si capisce.
    Balle! Il libro(?) è solo un'operazione commerciale a tavolino proprio come dici tu e l'autrice dovrebbe cambiare mestiere, nella fattispecie dovrebbe tornare all'attività cui le sue braccia sono state tanto ingiustamente sottratte: l'agricoltura!.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  8. Ma scusate. Io sono andato sul sito x capire sto benedetto finale, ma non c'è sta niente. Qualcuno mi sa dire chi è sto benedetto lupo? -.-'

    RispondiElimina
  9. avendolo letto in inglese, il finale l'ho letto dal sito americano. Se non te la cavi male con l'Anglosaxxon il sito dove andare a guardare è questo:
    www.redridinghoodbook.com

    Effettivamente la pagina di Cappuccetto rosso sangue della Mondadori non funzione, ma credo sia un blocco momentaneo, semmai riprova.
    Se proprio non riesci a legger questo finale, contattami e te lo dico per mail (che trovi in alto a destra del blog nella sezione contatti), non te lo dico qui perché sarebbe un mega spoiler

    RispondiElimina
  10. mandato l'email....

    RispondiElimina
  11. io so che il capitolo segreto verrà divulgato dopo il 22 Aprile quando esce il film

    RispondiElimina
  12. Se qualcuno di voi volesse sapere il finale prima del 22 aprile, mi mandi un'email e le/gli invierò la mia traduzione da quello che ho letto in inglese. Non sarà una traduzione eccelsa ma se non avete voglia di aspettare...

    RispondiElimina
  13. Uahahahah mi s'è spento tutto l'entusiasmo che mi aveva suscitato il trailer.. evabbeh, sarà per il prossimo film!
    grazie per il parere^^
    la Zia Artemisia

    RispondiElimina
  14. Ahahahah l'entusiasmo si spento anche a me! 8€ del cinema non ce li butto, lo guarderò in inglese ^^

    P.S. Cmq questo è il mio modestissimo parere, altri lo potrebbero trovare eccezionale

    RispondiElimina
  15. I blog frequеntlу and I гeally аpprесiate youг content.
    This aгticle has truly peaκeԁ my interest.
    I am goіng to taκe a notе of
    your website and κeeρ checkіng for new
    ԁеtails about οnсе a weеk.
    І οptеd іn for уour Fеeԁ as ωell.
    Also see my website - Read the Full Post

    RispondiElimina
  16. I am curious to find out what blog platform you're using? I'm hаѵing
    some smаll securitу problems with
    my latest websitе аnd I would like to finԁ something more safeguаrded.
    Dο уou haѵе any ѕolutiοns?


    my site; click through the next webpage

    RispondiElimina

Ti potrebbe interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...